Formac

Home
Sezione Scuola
Sezione Enti Pubblici
Sezione Aziende Private
Collegamenti web
Newsletter
Lavora con noi
Contattaci
Come richiedere un progetto
Prendi un appuntamento con noi, per personalizzare i laboratori sulla base delle esigenze dell'istituto, dei docenti, delle classi.
Contatta il direttore dell'area formazione:

Dott.ssa Grazia R. Corsaro
,
al numero
(+39) 347 2848348

oppure manda una mail a:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo   o Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
  • Recenti
  • Newsletter
  • Login

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulle nostre attività.






Login Area Utenti






Password dimenticata?

Tecniche del linguaggio pubblicitario
Art director e copy writer costituiscono la famosa coppia creativa del mondo pubblicitario. Sperimentare il loro lavoro, attraverso la produzione di storyboard, headline e payoff è un'esperienza non solo divertente, ma anche utile: si diventa consapevoli degli espedienti della pubblicità.

Destinatari: docenti e/o alunni dai 12 ai 19 anni.



LABORATORIO DI TECNICHE DEL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

a) PREMESSA

Il progetto si configura come attività di potenziamento delle abilità e capacità comunicative, con specifico riguardo ai testi pubblicitari.
La finalità generale del progetto è stimolare gli alunni ad attività di codifica e decodifica di messaggi pubblicitari in maniera critica e consapevole, attraverso la conoscenza e l’uso dei principali strumenti di forma e contenuto del linguaggio pubblicitario. Attraverso un percorso didattico innovativo, i partecipanti acquisiscono e affinano le proprie capacità di visione d'insieme, di coordinamento, di progettazione, di organizzazione e di pianificazione strategica, sperimentando forme di agire creativo.
Sperimentare il lavoro dell’agenzia pubblicitaria in generale e della coppia creativa in particolare, attraverso la produzione di storyboard, headline e payoff è un’esperienza utile ma anche stimolante e divertente.
Destinatari: alunni dai 12 ai 19 anni.

b) STRATEGIE E STRUMENTI DIDATTICI

L’attività di insegnamento è improntata al principio della laboratorialità. La pratica laboratoriale, infatti, è una grande occasione per lo sviluppo del soggetto in apprendimento. Essa agevola situazioni che permettono di imparare ad applicare e produrre, lasciando comunque ampi spazi di creatività nella progettazione e nella messa in atto di strategie diverse di intervento stimolando il problem solving. È inoltre rilevante la sistematica possibilità di feed-back fondata sull’osservazione e sull’analisi delle conoscenze ed abilità impiegate.

Nello specifico si fa riferimento ai principi e strumenti offerti dall’apprendimento cooperativo, un metodo didattico che si fonda sulla collaborazione tra gruppi ristretti di alunni che mettono insieme le proprie abilità e conoscenze per raggiungere obiettivi comuni e per migliorare reciprocamente il loro apprendimento. L’apprendimento cooperativo comporta che i membri di un gruppo sviluppino un’interdipendenza positiva, in cui ogni membro è indispensabile agli altri per il successo del gruppo. Per usare questa strategia, ogni individuo deve possedere competenze e ruoli diversi dagli altri, così che ognuno dia il proprio apporto individuale e unico al raggiungimento di obiettivi comuni.
Quanto sopra esposto, è integrato, in molte occasioni, con l’uso della tecnica del role playing, tecnica di messa in scena attraverso la drammatizzazione, oltre il ragionare, raccontare e riferire. Nel role playing non sono in gioco solo categorie e aspetti personali, soggettivi. In esso si recitano ruoli, organizzativi o sociali in genere. Quindi l’oggetto reale del role playing è la drammatizzazione di comportamenti di ruolo, che comunque implica elevato coinvolgimento di chi recita.

L'offerta formativa si sviluppa in un percorso agile e pratico: in ogni incontro le conoscenze teoriche, lo studio di case histories e l’analisi di testi pubblicitari televisivi e della carta stampata si completano con simulazioni ed esercitazioni creative che contribuiscono a costruire un’esperienza di studio gratificante e completa.
I partecipanti, seguendo l’iter proposto, produrranno passo dopo passo dei testi pubblicitari e i prodotti finali verranno esposti e discussi con l’aula.

c) CONTENUTI

Laboratorio 1)
Cos’è la pubblicità
La complessità della pubblicità attraverso l’analisi della sua evoluzione, dei suoi più recenti sviluppi- che vedono i prodotti diventare segno-, della sua onnipresenza e forza suggestiva.
Laboratorio 2)
Dalla suggestione alla persuasione fino all’influenza
Analisi critica dei fattori intervenenti nel processo di influenza: da elementi psicologici del ricevente a caratteristiche del messaggio (fonte, struttura e contenuto, ecc.)
Laboratorio 3)
L’agenzia pubblicitaria
Gli attori coinvolti e le loro relazioni: il team di lavoro, la rete esterna- l’agenzia di PR, di direct marketing, di promozioni, ecc.- e la rete interna –il reparto account, creativo e planning
Laboratorio 4-5-6)
Costruire una strategia pubblicitaria
Dall’analisi degli obiettivi di marketing al copy brief, attraverso l’analisi istituzionale, la definizione del target e dell’azione da ottenere, la determinazione degli obiettivi pubblicitari e del posizionamento di marca, l’elaborazione del piano integrato di comunicazione, la stesura della copy strategy e della promotion strategy.
Laboratorio 7)
La fase creativa: l’ideazione dei messaggi
Costruire un concept con approccio creativo razionale- argomentazioni di supporto, comparative, ecc- o emozionale- humor, musica, ansia, irritazione ,ecc-. L’uso delle figure retoriche e degli stereotipi.
Laboratorio 8)
La fase creativa: la scrittura pubblicitaria
Format, visual, haed line, body copy, logotipo e base line. Cosa sono, come strutturarli in modo creativo. Tecniche di creatività applicate al Tone of Voice, alla Main Promise e alla Reason Why.
Laboratorio 9)
La fase creativa: il lavoro della coppia creativa
Come lavorano l’art director e il copy writer.
Laboratorio 10)
La fase creativa: tecniche di presentazione.
Storyboard, animatic, rubamatic.
Laboratorio 11)
La fase creativa: dalla stampa alla tv
L'adattamento di uno spot dalla stampa alla televisione e viceversa: coerenza e innovazione.
Laboratorio 12)
Presentazione dei lavori e consigli finali
I nuovi creativi presentano i loro elaborati ai colleghi e li commentano insieme.

d) COSTI

Il costo del progetto varia sulla base del numero di incontri, dei partecipanti e della struttura del modulo così come concordata con l’istituto richiedente.
 
< Prec.   Pros. >
Scrittura per il cinema
Scrivere per il cinema significa scrivere per immagini, rispettando la...
Mediatore interculturale
Le differenze sociali ed etniche sono evidenti a scuola come nella vita...
Scrittura creativa
Scrivere in modo creativo vuol dire tante cose: si può prendere...
Giornalismo
I vari generi di scrittura giornalistica da leggere, interpretare e...
Tecniche del linguaggio pubblicitario
Art director e copy writer costituiscono la famosa coppia creativa del...
Strumenti di didattica laboratoriale
Usare tecniche di lavoro coinvolgenti per gli alunni significa agire sulla...
Comunicazione in classe
La didattica laboratoriale e la tecnica del role playing sono adoperate...
Comunicazione interpersonale
"Non si può non comunicare" (P. Watzlawick). Il...

© 2018 FOR.MA.C. s.n.c.
P.Iva/C.F. 04415990870